Psicologia transpersonale

    Condividere
    avatar
    Wallace

    Messaggi : 298
    Data d'iscrizione : 27.11.11

    Psicologia transpersonale

    Messaggio  Wallace il Lun Giu 17, 2013 12:48 am



    “Psicologie transpersonali” – di Charles T. Tart


    Charles T. Tart è stato a lungo docente di psicologia presso l’Università della California ed ha contribuito alla nascita e sviluppo della psicologia transpersonale.
    E’ un testo un pochino più tecnico ma molto interessante, si può acquistare nelle librerie specializzate in testi universitari di psicologia.
     
    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
     

    Psicologia transpersonale


     La psicologia transpersonale è una branca della psicologia il cui oggetto di studio sono l'insieme di tutta quella fenomenologia di stati di coscienza non ordinari che si presentano nell'uomo da quando l'uomo ha cominciato ad osservarli rilevandone i sintomi esteriori, i contenuti espressi e gli effetti che essi hanno sull'individuo e sulla comunità alla quale appartiene, tra gli altri si possono citare la trance, la possessione, le OOBE (esperienze extracorporee), la meditazione o preghiera profonda, l'estasi; in particolare la psicologia transpersonale ha effettuato vaste sperimentazioni cliniche, come ad esempio Stanislav Grof che, utilizzando sostanze come LSD e mescalina ispirati in parte dal comportamento in seno a popolazioni tribali che usavano indurre gli stati alterati con erbe naturali contenenti alcaloidi ad effetto psicodislettico, riuscirono invariabilmente a indurre nei soggetti profonde espansioni di coscienza con l'emersione di contenuti che si presentavano ricorsivamente, facendo riferimenti ad antichi simboli e concetti (tra tutti si possono citare, fra coloro che pervenivano ad una sorta di "limes" del Sé, la percezione della realtà come emergente da un Vacuus Plenum, una sorta di totale vacuità ricolma di infinite potenzialità di manifestazione, concetto assurdo per la logica, ma meno ad esempio per certi aspetti "stranianti" emersi nell'osservazione della fisica quantistica).

    La psicologia transpersonale inizia i primi passi con esperimenti negli anni Cinquanta del Novecento mediante LSD, al tempo considerato potenziale medicina nel novero dei primi approcci farmacologici alla malattia mentale, e con le svariate spedizioni antropologiche che ampliavano sempre più l'osservazione e quindi la conoscenza del rapporto in seno a tutte le comunità umane degli stati alterati di coscienza, con attivazione esogena o endogena e la loro valenza sociale, giunge a sviluppare lo studio di questi aspetti dello psichismo umano, fino ad allora ignorati o liquidati con facili "soluzioni" di stampo marcatamente positivista ed eurocentrico. La psicologia transpersonale si distingue quindi prima di tutto da un'attenzione multidisciplinare, in particolare con l'etno-psichiatria, l'etno-botanica, l'archeologia, lo studio dei simboli e dell'iconografia (quest'ultima nell'ottica junghiana di trarre dalle ricorrenze simboliche il frutto finale e sopito dei moti psichici del tempo, altrimenti irrimediabilmenti conchiusi nel non-detto o pure del vero e proprio inconscio collettivo, consentendo infine, mediante una sorta di ingegneria inversa, di avere la possibilità di carpire, riconoscere l'azione di un particolare complesso come quella di un determinato archetipo).

    In sintesi la psicologia transpersonale si propone di studiare gli stati di coscienza alterati, le dinamiche che li inducono, i contenuti che producono e il loro eventuale senso e significato, ne viene quindi il rilevamento e l'analisi che secondo i suoi sostenitori trascenderebbero i limiti dell'io personale e della razionalità convenzionale. Il suo statuto epistemologico è fortemente controverso nell'ambito psicologico più ortodosso.

    Una definizione breve del Journal of Transpersonal Psychology suggerisce che la psicologia transpersonale "riguarda lo studio della più alta potenzialità dell'umanità e il riconoscimento, comprensione e realizzazione degli stati di coscienza unitivi, spirituali e trascendenti"

     

     

     

     
     



    _________________
    Tutti gli uomini possono essermi utili, non ve n'è alcuno che possa bastarmi. Mi necessita Dio. - L.C. de Saint-Martin

      La data/ora di oggi è Mar Dic 12, 2017 8:32 am